Concluso il restauro della scalinata di Trinità dei Monti. Raggi: «Ordinanza anti bivacchi» – IL SOLE 24 ORE

Dopo un restauro durato quasi un anno torna a torna a splendere La scalinata di Trinità dei Monti a Roma e al mondo. Oggi la sindaca della Capitale, Virginia Raggi, il sovrintendente Claudio Parisi Presicce e Jean Christophe Babin, ad di Bulgari, la maison che ha finanziato i lavori con 1,5 milioni in occasione dei suoi 130 anni, hanno presentato il restauro alla città. «È una giornata molto importante per Roma, per le romane e i romani» ha detto la prima cittadina, spiegando che contro il degrado «c’è un’ordinanza per evitare i bivacchi, ma non credo che la scalinata resterà chiusa la notte». Questa sera è previsto un evento per celebrare la Scalinata con il concerto dell’accademia nazionale di Santa Cecilia diretta dal maestro Antonio Pappano. «Durante il concerto – ha svelato Raggi – accanto a me saranno seduti 30 cittadini comuni e 10 detenuti della Casa Circondariale di Roma che hanno svolto dei lavori per la città».

Raggi: scalinata aperta anche di notte
«Sono contenta di essere qui come sindaco in rappresentanza dei cittadini, da domani la Scalinata di Trinità dei Monti riaprirà al pubblico e tornerà a esser pienamente fruibile» ha detto la sindaca, ringraziando «Bulgari, la sovrintendenza e i lavoratori». Raggi ha assicurato che «la scalinata di Trinità dei Monti non sarà chiusa la notte» ma «per evitare utilizzi impropri della scalinata e il degrado c’è un’ordinanza per evitare bivacchi, senza tuttavia impedirne utilizzo» e «ci sarà un monitoraggio più attento e presente da parte dei vigili».

Il sovrintendente Presicce: restituito spazio funzionale alla città
«L’inaugurazione della scalinata di Trinità dei Monti è la restituzione non solo ai cittadini di Roma di uno dei monumenti più simbolici della città e più conosciuti al mondo, ma la restituzione di uno spazio funzionale, una scalinata realizzata tra il 1723 e il 1726 per raccordare le pendici del Pincio lungo via Sistina, e
piazza di Spagna» ha detto il sovrintendente Presicce, raccontando che «nel 1728 a causa delle piogge la scalinata subì il crollo del muraglione sul fianco sinistro» «Il primo intervento di restauro – ha continuato – fu ad opera di Filippo Juvarra e dagli anni ’50 è diventata set preferito per cinema e moda».
Parlando del restauro appena concluso, ha spiegato che «il lavoro eseguito ha avuto una durata di 10 mesi e ha richiesto l’intervento di 82 persone». Nel corso della presentazione il sovrintendente è incorso in una piccola gaffe sul nome del mecenate, ma poi si è corretto e ha ringraziato Bulgari.

 

VISITA LA NOTIZIA

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the bookyourtravel internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *

*
*